Comore: quell’aereo precipitato sulle «Isole della Luna» (23 novembre 1996).

0

Comore [illustrazione di Sémhur con licenza CC BY-SA 4.0]

Le Isole Comore sono uno stato insulare dell’Oceano Indiano, situato a nord del Canale del Mozambico, fra l’estrema punta settentrionale del Madagascar e il Capo Delgado (Mozambico). L’arcipelago comprende quattro isole principali: Gran Comora (o Njazidja), Anjouan, Mohéli  e Mayotte.
L’etimo “Comore” viene dall’arabo e vuol dire «Isole della Luna».
Già territorio d’oltremare francese, le Comore sono divenute indipendenti nel 1975 (la sola isola di Mayotte è rimasta unita alla Francia).

«La popolazione (795.601 ab. nel 2016) è composta in gran parte da meticci per l’innesto di elementi arabi e malgasci sull’originario sostrato bantu, ed è pressoché totalmente islamizzata. La vita indigena deve alla civiltà musulmana la maggior parte dei suoi caratteri esteriori. La lingua usuale è il suaheli di Zanzibar». (Fonte: Enciclopedia Treccani)

Dzaoudzi – Mayotte [immagine libera]

Quella che viene raccontata qui è la storia di un incidente aereo causato dalla stupida follia di tre dirottatori etiopi avvenuto il 23 novembre del 1996.
Imbarcatisi all’aeroporto di “Addis Abeba-Bole” dirottarono il volo 961 della Ethiopian Airlines, diretto a Nairobi, dopo aver costretto i piloti a puntare verso l’Australia e minacciando di fare esplodere il velivolo con una bomba a mano, in seguito rivelatasi un falso ordigno.
Si proclamarono dissidenti politici oppositori del Presidente etiope Gidada; in realtà erano solo tre studenti venticinquenni convinti di poter raggiungere facilmente l’Oceania con un aeromobile con tutti i serbatoi pieni.
A questo punto tutto diventa cronaca. Alle 10:45 ore locali, il volo proveniente dall’India riparte per il Kenya. Meno di un’ora dopo il decollo, i sequestratori ubriachi, nervosi e confusi, entrano nella cabina di pilotaggio e costringono il comandante Leul Abate dapprima a dirigersi verso sud e poi  verso est.

bandiera delle Comore [immagine libera – attribuzione non richiesta]

Superato il Kenya e giunti sui cieli della Tanzania, alle 13:20 avviene l’unico contatto radio con il controllo a terra: è quello con la torre di controllo di Dar es Salaam.
Alle 15:00, l’ET-961 essendo rimasto senza più una goccia di carburante il velivolo inizia a precipitare lentamente sul Canale del Mozambico verso le Comore.
Le autorità tanzaniane dopo l’accaduto riferiranno che lo scambio comunicativo sarebbe avvenuto proprio i quel momento, in tal modo dichiarando ciò, si auto-escluderanno in automatico da qualsiasi responsabilità. Tutto ciò è facilmente intuibile: dirottamento, sequestratori, troppe nazionalità coinvolte (36 accertate) !!!
Il comandante a quel punto avvertì i tre  etiopi che non avevano abbastanza carburante per coprire la tratta che li separava dall’Australia, essendo questa una distanza enormemente superiore a qualsiasi capacità di pieno carico sopportabile dall’aereo, e in ogni caso assolutamente insufficiente per raggiungere destinazioni diverse da quelle stabilite per l’arrivo a Nairobi: quegli avvertimenti rimasero completamente disattesi.
Trovandosi ormai «in caduta» viene estratta la RAT [una turbina ausiliaria costituita da una sorta di «pala eolica», che sfrutta il flusso d’aria che impatta su di essa per generare un minimo di fonte di energia elettrica] ma a quel punto al pilota non gli è più possibile la manovra di avvicinamento all’aeroporto comoriano Prince Saïd Ibrahim della capitale Moroni.

isola di Mohéli [foto di alKomor.com – Flickr via Wiki con licenza CC BY-SA 2.0]

Abate, nel disperato tentativo di scongiurare una catastrofe e tentando ogni manovra possibile a sua disposizione, riesce a guidarlo verso lo spazio di mare antistante Mitsamioli, in un punto non lontano dalla riva  e con acque poco profonde.
L’aereo diventato ormai ingovernabile sfiora il Galawa, un grande albergo nei pressi della spiaggia di Malodja, e virando a volo radente sul mare urta la superficie dell’acqua con l’ala sinistra; quest’ultima colpendo la barriera corallina lo fa roteare su se stesso spezzandolo in tre parti !!!
Alle 15:20 il volo ET-961 si schianta in acqua a poche centinaia di metri dalla riva, inabissandosi nel mare cristallino delle Isole Comore, totalmente privo di carburante!
Esiste un video girato da alcuni dei turisti che si trovavano in quella spiaggia e che furono proprio i primi a prestare il primo soccorso ai sopravvissuti.
I vacanzieri, attoniti, sconvolti e scioccati, compresi i membri dello staff della struttura turistica (camerieri, cuochi ed inservienti vari), si riversarono in mare per fornire aiuto con tutti i mezzi possibili: chi in barca, chi in motoscafo e chi persino a nuoto. Vennero salvate più di 50 persone grazie al fatto che molti di quei turisti  erano  medici francesi in vacanza!

ricostruzione digitale dell’impatto [illustrazione di Anynobody con licenza CC BY-SA 4.0]

Purtroppo alcuni annegheranno per non aver seguito le indicazioni dell’equipaggio e cioè per aver gonfiato i giubbotti di salvataggio dentro il velivolo: molti rimarranno intrappolati al suo interno senza alcuna via d’uscita.
Il comandante Leul Abate riuscirà a salvarsi e ben presto tornerà a volare per la sua compagnia aerea, con tanto di grandi riconoscimenti per aver tentato l’impossibile.
Nei giorni successivi alla tragedia, quelle immagini terribili e spettacolari catturate dai turisti, fecero il giro del mondo, dando a questo luogo incantevole una certa notorietà.
Rimane l’atroce destino riservato a molti di quei passeggeri, causato dalla condotta stupida e criminale di tre maldestri pirati dell’aria, che per inseguire il mito del sogno australiano, hanno contribuito a far sì che molti  dei loro sventurati compagni di viaggio raggiungessero insieme ad essi il paradiso celeste, scomparendo però nel Mare delle Isole della Luna!

immagini con licenze:
[CC0CC BY-SA 2.0CC BY-SA 4.0]  

About Author

Nicolò Vincenzo Di Giacomo

«il Corriere della Storia (& il Diario Boreale)» è un giornale di guerra che si occupa di etnoantropologia, di geografia e di linguistica. È un'antologia sul cinema che raccoglie tutte quelle pellicole ispirate a fatti realmente accaduti. È un foglio del passato che narra storie di luoghi, di uomini e di popoli. È un quaderno di storia che racconta i fatti del cielo, del mare e della terra, che hanno avuto come protagonisti gli uomini di ogni epoca !!!

Leave A Reply

error: Content is protected !!